fbpx

Il sig. Arturo e il noleggio dei costumi al lido mappatella

Napoli lido mappatella

Qualche anno fa conobbi il signor Arturo, un tempo giovane contrabbandiere, lo incontrai una mattina di luglio, passeggiavo per il lungomare, notai questo anziano signore che con garbo e gentilezza per 3 euro noleggiava costume e asciugamano ai passanti.

Quella sua genialità mi costrinse ad approfondire meglio.

Mi raccontò dei suoi mille mestieri, giovane contrabbandiere, poi per salvarsi partì per la Germania, poi mille mestieri fino a quella sua intuizione avuta qualche anno prima mentre accompagna i suoi 7 nipoti al mare.

Il Sig. Arturo riteneva che il mare fosse di tutti, ripeteva spesso che chi nasce a Napoli ha una tripla fortuna, perché si nasce sempre con il sorriso, perché si ha sempre una soluzione a tutto e perché il mare alleva ogni dolore.

Ed è così che un mattino di qualche anno prima si era inventato quello stano mestiere, noleggiare costumi e asciugamano rigorosamente puliti e stirati dall’attenta moglie ai turisti, bagnati improvvisati e semplici curiosi che di li passavano.

I suoi gesti e le sue parole le ricordo con dovizia di particolari, racchiude la sua idea e quel suo modo di superare tutte le avversità che sono uniche e intrinseche della nostra città.

Si avvicinava con estrema professionalità ai timidi turisti, molti stranieri, passati li per quella spiaggia così piccola a ridosso della rotonda Diaz, tale da essere passata alla storia come “lido mappatella”.

Ricordo nel suo strampalato tedesco, lingua che aveva imparato da giovane lavorando come fabbro in alcune aziende in Germania, mentre invitava al mare gli stupefatti turisti.

Era in grado di fornire una adeguata varietà di costumi, lunghi, corti, per uomo, donna e bambino, per i quali si vantava anche di avere “braccioli a norma di legge”.

Indumenti che acquistava ogni anno nuovi al mercatino di Poggioreale, dai più conosciuto come Caramanico, è qui che il Sig. Arturo si recava ogni settimana per trovarne di nuovi.

La signora Anna sua moglie invece, la mattina lo accompagnava al mare, con i suoi 7 nipoti da tenere a bada, nel pomeriggio spettava a lei, lavare, profumare e stirare come se fosse un vestito da sposa quegli asciugamani, così magistralmente prestati ai bagnanti.

Oggi Luigi, uno dei nipoti del Sig. Arturo ha raggiunto la maggiore età, lo incontro spesso mentre si allena in quel magnifico campo di palla a nuoto, unico al mondo, posizionato proprio li dove il nonno per alcuni anni ha esercitato quella originale attività, con estremo rigore.

Luigi oggi aspirante campione di questa città, mi racconta spesso del nonno e dei suoi tanti sacrifici fatti nella vita, mi racconta che quando il sole cala e inizia il tramonto, prova gli ultimi tiri in porta, poi si ferma e guarda quello spettacolo unico che solo Napoli può dare, qualche volta immagina la voce di suo nonno Arturo che lo chiama, mentre è intento nel raccoglie le sue cose per fare ritorno a casa.

E’ l’emblema di Napoli, città di mare da millenni, ma mai vissuta veramente in tutti i suoi luoghi spettacolari da chi vi abita.

________

Luoghi e nomi diversi, ma intrecciati in personaggi e storie della città di #Napoli, realmente vissute ed esistenti.

Foto di Velia Cammarano

Condividi questo post ad un amico
Lascia un Commento